Come aprire un salone di parrucchiere

La guida per aprire il tuo salone da parrucchiera o barber shop da sogno: Costi e Licenze e consigli

Mens sana in corpore sano: la cura ed il benessere del corpo sono strettamente legati a quelli della mente. Per questo l’esercizio della bellezza è un mercato inesauribile che, nonostante la competenza sempre più spietata, è di fatto una fonte importante di guadagno.

Aprire un salone di parrucchiera è uno di quei sogni che sono nel cassetto di molti acconciatori, ma è anche una possibilità per tutti coloro che vogliono intraprendere una nuova attività di impresa. Ecco qui la guida perfetta per conoscere ciò che ti serve: i titoli necessari, il costo, come promuovere la tua attività e molto di più. Il settore economico del benessere e della cura del corpo (parrucchieri ed estetisti) è uno dei più grandi in Italia, la seconda categoria artigianale del Paese con quasi un milione di consumatori al giorno!

Scopriamo insieme quali sono i passi da fare per entrare a far parte di questa realtà!

Aprire un salone di parrucchiera: titoli necessari e formazione

In possesso di titolo abilitante: Frequentare un corso di formazione per acconciatori ed ottenere un diploma è necessario per poter diventare parrucchieri. I corsi variano di durata tra i 6 mesi ed un anno, che devono essere seguiti da un tirocinio o apprendistato di almeno 2 anni (solo con diploma di scuola superiore). Diversi enti – anche locali – offrono corsi generali e più specifici per poter ottenere il titolo: la scelta può dipendere dal proprio budget iniziale e dalla velocità con cui si vuole ottenere il titolo.

Senza titolo abilitante: se si volesse aprire un salone di parrucchiera senza diploma, bisogna assumere un hair styilist che si occupi del servizio, e nel mentre si può gestire tutto l’apparato amministrativo che supporta l’attività. Inoltre, è possibile acquisire l’abilitazione di acconciatore lavorando nel campo, con un apprendistato di 5 anni, seguito da un anno di lavoro in qualità di lavoratore di terzo livello (concludendo la formazione con un corso teorico di 300 ore e un esame finale). Nel caso non si possa essere assunti come apprendisti, si può essere inseriti in un salone per 3 anni come lavoratore almeno al terzo livello e seguire il corso di 300 ore con esame finale.

Dalla location all’arredamento, dalla formazione alla pubblicità, ora vedremo quanto sarà una spesa iniziale per questa attività.

Quanto Costa aprire un negozio di parrucchiera?

Quando si vuole aprire un negozio di parrucchiera bisogna tenere in conto non solo il costo dell’investimento iniziale, ma anche il mantenimento dell’attrezzatura e dei prodotti da usare: i costi si aggirano attorno ai 12-15 mila euro per un salone di circa 50 mq.

È fondamentale considerare tutti gli aspetti necessari: ecco qui un prospetto riassuntivo dei maggiori costi.

Investimento iniziale

Per poter aprire un salone di parrucchiera medio (circa 50 mq), i costi totali sono stimati tra i 12 mila e i 15 mila euro. In questa stima sono compresi, oltre ad un arredamento base (spesa media di 4-5 mila euro), le spese per gli impianti, l’adeguamento strutturale a norma di legge, i costi per la pubblicità ed altre spese accessorie. Utile includere nel budget iniziale anche servizi offerti da un commercialista o da CNA Servizi per poter iniziare l’attività che, in base si voglia costituire una ditta individuale o società, possono variare tra i 500 e i 1.500 euro.

Spese di gestione

Importante è gestire anche le spese correnti, soprattutto quando si vuole aprire un salone di parrucchiera. Normalmente, si vuole mantenere alta la qualità del servizio, delle attrezzature e dei prodotti per la cura dei capelli offerti ai propri clienti, ma anche mettere a disposizione la corretta formazione al personale del salone.

  • Lo staff: per l’assunzione del personale può essere pari o oltre il 30% delle entrate, considerando tassazione e contributi necessari.

  • Manutenzione delle attrezzature e impianti: alcune spese per la cura degli attrezzi e dei locali sono necessarie per tenere sempre alta la qualità del tuo salone da parrucchiera.

  • Fisco e assicurazione: non si può dimenticare tra le spese, i costi relativi alla fiscalità e a coperture assicurative che possano proteggere il tuo lavoro. Mettile in preventivo, per evitare brutte sorprese!

  • Pubblicità: per poter farsi conoscere e riconoscere, ti sarà necessario tenere in conto anche le spese necessarie per operazioni di marketing, che possono variare tra piccole operazioni gratuite a campagne di pubblicità un po’ più costose. Questo non serve solo per attirare nuovi clienti alla tua attività, ma anche per poter mantenere i tuoi clienti storici con promozioni e sconti per le loro tasche.

Realizza il tuo salone da sogno con Vezzosi

SCOPRI DI PIÙ

Quali sono i passaggi burocratici da seguire per aprire un salone da parrucchiera?

Ti consiglio di chiedere consiglio al SUAP (Sportello Unico Attività Produttive) del Comune dove ha sede il tuo negozio, ma i primi passi da fare sono:

  • Aprire la partita IVA.

  • Iscriversi alla Camera di Commercio del tuo territorio;

  • Essendo riconosciuti come artigiani, è necessario iscriversi all‘Albo dell’Artigianato, Il quale provvederà a registrare la nuova attività all’INPS;

  • Iscriversi all’INAIL (Istituto Nazionale Assicurazione per Infortuni)

L’attività sarà ufficialmente aperta nel momento in cui sarà presentata la SCIA (Segnalazione Certificazione di Inizio Attività) al SUAP del Comune di riferimento, insieme alla Comunicazione Unica, oppure direttamente al SUAP competente.

Importante! Per ottenere l’autorizzazione all’apertura da parte del Comune, bisogna allestire i locali del negozio in base alle norme igienico-sanitarie contenute nei Regolamenti comunali e conformarsi alle norme igienico-edilizie di sicurezza degli impianti (elettrico e termoidraulico). Nel momento in cui si assumono dipendenti, serve seguire quanto prevede la normativa in materia di sicurezza dei lavoratori Legge 81/2008.

Qual è la tassazione di un salone da parrucchiera?

Ci sono due tipologie di regimi fiscali che si possono incontrare nel momento in cui si apre un negozio da parrucchiera: il Regime Forfettario e il Regime Semplificato. La scelta dipende dal fatturato annuale che si può ottenere durante l’attività.

Qui ti presentiamo i dettagli principali, ma ti invitiamo a consultarti anche con un commercialista prima di scegliere il regime fiscale.

Regime Forfettario

Si ha quando i ricavi annui non superano i 65.000 euro. Verranno pagate il 15% di tasse sul reddito imponibile.

Per poter sapere quali sono le tasse che dovrai pagare, bisognerà calcolare il reddito imponibile, ovvero il guadagno lordo moltiplicato per il coefficiente di redditività del codice ATECO di riferimento che nel nostro caso è pari al 67% (agg.to con art. 1 comma 692 Legge di Bilancio 2020) per Servizi dei saloni di barbiere e parrucchiere (codice ATECO 96.02.01). Si sottraggono i contributi previdenziali e si moltiplica il reddito imponibile per il 15%.

Regime Semplificato

Si ha quando il fatturato è tra i 65.000 e i 400.000 euro annui. In questo caso, si hanno scaglioni fiscali diversificati dal 23 al 43% progressivi, ma non si ha l’obbligo di presentare il bilancio a fine anno.

Aprire un salone di parrucchiera in autonomia o franchising?

Questo dipende da te e dal tuo desiderio di poterti differenziare. Sicuramente aprire un negozio da parrucchiera in autonomia ti offre maggior flessibilità per costruire il tuo spazio per la scelta dell’arredamento, dei prodotti e molto altro. La gestione economica e di formazione sarà a tuo carico, quindi potrebbe risultare un po’ più impegnativo.

Aprire un salone di parrucchiera in franchising ha alcuni vantaggi e svantaggi: ci sarà meno scelta per l’arredamento e i prodotti da usare, compromettendo la personalità della tua attività, ma potrai avere più sostegno dal punto di vista gestionale.

A te la scelta in base alla tua voglia di splendere!

Chiedi subito un preventivo gratuito

CONTATTACI

Dove aprire un negozio da parrucchiera?

Per poter aprire il tuo salone di parrucchiera di successo è necessario trovare un luogo che possa essere visibile ed abbastanza frequentata nella tua città, raggiungibile e che possibilmente metta a disposizione un parcheggio, dove far arrivare i propri clienti. Mi raccomando, non dimenticare di guardare la concorrenza! Se ci sono altri saloni, evita di aprire un’altra attività simile accanto.

Per la scelta dell’arredamento, pensa al tipo di clientela che vuoi attirare: saranno persone giovani ed alternative, oppure più tradizionali e di classe? Potrai puntare ad un arredamento più minimale oppure tematico, sulla base di ciò che vuoi dare come servizio. Libera scelta e creatività!

Come farsi conoscere?

Ora è tempo di farsi conoscere! Ma come affrontare questo passaggio? Ci sono diversi modi per poter raggiungere la tua possibile clientela e diversi budget per poterlo fare.

Sicuramente ti potrebbe essere utile una comunicazione di grande impatto a basso costo come è il classico passaparola, ma anche un facile sito web come quelli di SimpleSite (Fonte di questo articolo)

Avrai così modo di poter raggiungere diverse persone, anche leggermente più lontane che quelle che abitano vicino al tuo nuovo salone.

Un ultimo consiglio è quello di creare un blog di successo, con molti post e interventi dalla tua bottega! Se non sai come si apre un blog, ecco qui tutto quello che fa per te!

Potrai anche creare dei profili sui maggiori social network come Facebook, Instagram o Tik Tok per allargare il bacino di potenziali clienti. È importante ricordare che tutta questa comunicazione dovrà essere coerente ed aggiornata, perché ti farà risultare una attività di alta qualità. Questo passaggio è necessario sopratutto in tempi di Covid-19 poichè devi riuscire a capire come pubblicizzare al meglio la tua attività durante il Covid-19. Se vuoi sapere sapere come fare una buona pagina contatti nel tuo sito (per mostrare le modalità in cui potrai servire i tuoi clienti) leggi la guida qui inserita.

Potrai affidarti anche a metodi più tradizionali per la pubblicità come biglietti da visita, oppure volantini e cartelloni pubblicitari. Assicurati di scegliere i giusti mezzi per la tua possibile clientela, magari affidandoti per la prima volta ad un esperto di comunicazione e grafica. Sarà un primo investimento che ti risulterà utile fin da subito e a lungo termine.

Come scegliere il fornitore?

Molti estetisti indagano su chi sono i loro clienti e concorrenti, ma investono spesso meno tempo nella ricerca di un fornitore affidabile. Una gestione dei fornitori ben organizzata ha comunque un grande impatto sui vostri termini di consegna, la qualità e l’immagine che il tuoi centro estetico trasmette. Ogni fornitore ha i suoi vantaggi e svantaggi, che spesso si riflettono sui clienti.

I primi criteri per determinare il fornitore giusto dipende dalle vostre aspettative e dal modello di business. Vendi anche tu prodotti? Sei un riparatore? Chi sono i tuoi clienti e che cosa si aspettano esattamente?

  • Che qualità offre il fornitore? Corrisponde alle tue aspettative?

  • Il prezzo è piuttosto elevato o è piuttosto basso nel settore?

  • Il fornitore garantisce una pronta consegna?

  • Il fornitore gode di buona reputazione?

  • Cosa ti aspetti dal fornitore a lungo termine?

  • Il fornitore è reperibile facilmente e velocemente? Parla la tua lingua?

  • Qual è la fornitura di servizi in generale? È possibile fargli delle domande?

Perché scegliere Caarp professional come fornitore?

Caarp Professional è la società cooperativa più grande del centro Italia, la nostra missione è quella di offrire ai nostri Soci una vasta gamma di prodotti e servizi rivolti esclusivamente alla crescita professionale delle loro attività.

Disponiamo di oltre 8.300 prodotti in pronta consegna all’interno del nostro magazzino;

un magazzino di 2500Mq grazie al quale riusciamo a servire centri estetici, beauty farm, centri bellezza, centri fisioterapici di tutto il materiale necessario per la loro operatività ; offrendo prodotti innovativi e un eccellente servizio clienti.

Con Caarp Professional puoi avere: I Prodotti, le attrezzature, i servizi avendo un unico interlocutore: competente, affidabile e sempre presente.

Noi di caarp crediamo che la formazione continua è importante in tutti quei campi professionali che si evolvono anche grazie alle moderne tecnologie. E vale anche per una professione come il parrucchiere/ parrucchiera.

Infatti caarp non si limita ad offrire prodotti ma grazie ad AllAccademia Umbria beauty school propone servizi su misura per i propri soci, con progetti mirati allo Sviluppo e aggiornamento del settore e coloro che operano in esso.

Scopri tutti i marchi di parrucchiria forniti da caarp

SCOPRI